15 novembre 2012

Giorgio

Compagno di scuola e artigiano

“Eravamo compagni di classe alle scuole medie. Era il 1945 e, ancora in età pre-adolescenziale, Enrico dimostrava di essere già un bravo disegnatore. Ma non solo: durante le lezioni era solito portare con sè i primi lavoretti creati nel laboratorio del nonno. Ce l'aveva nel sangue, l'arte orafa...”.



“Non posso dire che sia stato grazie a lui, ma quando ci rincontrammo dopo 15 anni anche io ero diventato artigiano orafo. Entrambi avevamo imparato il mestiere cominciando dai lavori più umili e entrambi ci eravamo avvicinati a questo mondo sudando e sbagliando sulle tecniche originali della gioielleria anni '20 e '30: il che significava 'tutto a mano' e 'pezzi assolutamente unici'. Ricordo l'osso di seppia usato a mo' di stampo, il trapano manuale, l'ago del sarto impiegato al posto delle punte elica..”

Condividi:

OPERE

Ala Rossa

Chissà a chi appartiene quest'ala?

Ala rossa

Ala rossa

Un'ala rossa fa capolino tra i diamanti, lasciando trasparire affascinanti riflessi sul verde. La morbidezza della pietra contrasta con le geomet..   [Continua]

Vuoto nel vuoto

La teoria del vuoto

Attraverso quest'opera si definisce il vuoto come una realtà potenzialmente attiva. È un vuoto che vive e che s'inserisce nel processo conti..   [Continua]

Caravella Rematori

E' la terza. Vi sono anche i rematori

Caravella Rematori

Caravella Rematori

Elogio alla fatica dell'uomo: questa volta sono i rematori i protagonisti del gioiello, rappresentati dai diamanti.