15 novembre 2012

In valigia

Se Enrico Cirio era solito girare il mondo tra Thailandia, Australia e India alla ricerca delle più belle pietre preziose, anche una conchiglia raccolta in Israele, un pezzo di legno trovato per strada, il cuoio, lo stucco, la sabbia, fino alla paglietta di ferro abitualmente utilizzata per pulire le pentole, potevano magicamente essere protagonisti venendo a far parte delle sue opere d'arte (i 'Nidi' ne sono un esempio rappresentativo). Tutti materiali poveri, insomma, che, grazie alla vulcanica fantasia dell'artista, diventavano parte integrante di gioielli pregiati e ricercati. “Ovunque raccoglieva idee: poi le portava a casa e iniziava ad elaborare bozzetti, anche di notte. Quante volte mi sono svegliata e l'ho trovato con foglio e matita in mano...”, racconta Anna Novara, sua consorte.

Condividi:

OPERE

Cuscinetto a sfera

Guarda come gira...

Cuscinetto a sfera

Cuscinetto a sfera

Sarà stato un modo per rendere onore alla nota marca svedese di cuscinetti a sfera? Quel che è certo è che questa spilla prende a prestito uno dei sis..   [Continua]

Campanule

Dono di famiglia...

Campanule

Campanule

Una spilla nata grazie ai veri maestri di Enrico Cirio, il padre e, ancor prima, l'amato nonno.

Clessidra

Il tempo della vita

Enrico Cirio definisce un concetto astratto come quello del tempo con la straordinaria indeterminatezza della luce e della sua vita segreta.